L’uso sempre più crescente in diversi ambiti lavorativi dei carrelli elevatori fa di questi macchinari uno strumento indispensabile per velocizzare le operazioni e lavorare con la massima precisione e sicurezza.

Largo utilizzo inoltre trovano i carrelli elevatori di tipo elettrico:essi possono essere adoperati in ambienti anche ristretti e chiusi, poiché non comportano forme di inquinamento e procurano meno vibrazioni e rumorosità.

Inoltre, sfruttano al massimo la tecnologia di cui sono dotati, riuscendo ad ottenere delle prestazioni di alto livello, rappresentando una categoria di mezzi che permettono anche di abbattere i costi di gestione dovuti al fatto che non utilizzano il carburante, ma batterie di trazione.

Una caratteristica importante delle batterie per carrelli elevatori è rappresentata dall’affidabilità unita alla durata; quest’ultima varia a seconda del modello e dalla tipologia di macchina, in base ai quali viene realizzata una batteria che tiene conto dell’utilizzo del mezzo (lavoro più o meno intenso e su più turni; peso dei carichi da movimentare). Va ricordato che il voltaggio deve essere adeguato al tipo di energia di cui necessitano i carrelli durante le operazioni e di effettuare frequenti cicli di scarica per mantenere i carrelli performanti.

Esistono diverse tipologie di batterie per carrelli elevatori che presentano differenti caratteristiche volte a soddisfare i clienti in base a quelle che sono le proprie esigenze lavorative.

Batterie al litio

Negli utlimi anni si sono diffuse le batterie al litio per carrelli elevatori: esse rappresentano una vera rivoluzione in relazione a cicli di lavoro, ricarica, manutenzione e impatto ambientale.

La tecnologia tradizionale delle batterie al piombo, tuttora presente e sfruttata, ha manifestato nel corso del tempo e dell’utilizzo dei limiti che il litio ha superato.

Infatti i vantaggi principali ed evidenti delle batterie al litio per carrelli elevatori risultano essere:

  1. ideali per le cariche complete, che avvengono in maniera abbastanza rapida e anche per le cariche intermedie, che non comportano nessun tipo di controindicazione;
  2. prive di emissione, pertanto le fasi di ricarica possono essere effettuate in qualsiasi posto senza che ci sia il bisogno di avere delle apposite postazioni all’interno dell’azienda;
  3. chiuse e sigillate, non necessitando pertanto di manutenzione o riempimento.

Dal punto di vista della gestione dei flussi di lavoro e della logistica di un’azienda, ci possono essere dei cambiamenti vantaggiosi rispetto ai modelli tradizionali: infatti, con le batterie al litio per carrelli elevatori non è più necessario seguire la logica di cicli di ricarica, poiché i carrelli possono risultare sempre pronti all’uso. Oltretutto, non dovendo provvedere a rabboccare l’acqua evaporata durante i cicli di lavoro, anche in termini di costi di manutenzione c’è un notevole risparmio e gli eventuali danni dovuti ad una cattiva manutenzione delle batterie vengono resi esigui.

Non esiste, quindi, più la pianificazione del lavoro condizionata dalla ricarica delle batterie: con una ricarica iniziale di 30 o 40 minuti, le batterie al lito assorbono circa il 50% della propria capacità e dopo 80 minuti sono in grado di raggiungere la carica completa. In tal modo, godendo di tempi di ricarica veloce e intermedia, il carrello elevatore può essere utilizzato in maniera continuata fino a 24 ore al giorno senza il problema di dover cambiare la batteria.

L’unico limite che ancora risulta presente è quello riguardante il costo iniziale d’acquisto, motivo per cui le aziende valutano spesso la scelta tra la tecnologia tradizionale e quella agli ioni di litio cercando di quantificare i benefici a lungo andare rispetto ai costi per acquistarle.

Batterie al piombo

le batterie al piombo rappresentano la tecnologia tradizionale e maggiormente presente nei carrelli elevatori elettrici, in quanto garantiscono potenza, affidabilità, un prolungato ciclo di vita e anche un basso costo rispetto al litio.

Le batterie al piombo per carrelli elevatori sono costituite da una cella elettrochimica nella quale agiscono delle sostanze sotto forma di materie attive: biossido di piombo, piombo ed elettrolito. Queste sono costituite da una cassa e un coperchio in polipropilene con delle bussole gommate che garantiscono un’ottima sigillatura dei poli; hanno poi una piastra negativa che risulta di elevato spessore e consente una buona adesione della materia attiva e aumenta la conducibilità elettrica.

C’è poi un separatore in polietilene microporoso che funge da isolante tra piastre positive e negative; è presente una piastra positiva tubolare e nella parte superiore la presenza di un polo per elementi imbullonati che permettono la conducibilità elettrica, più un cavo di connessione in rame che è progettato per assicurare il collegamento tra elementi e l’isolamento totale dei conduttori.

Le batterie al piombo hanno una grande tenuta e affidabilità, oltre che una notevole longevità, e garantiscono generalmente una durata di 8 ore lavorative. A differenza di quelle al litio, però, non possono godere di cariche intermedie, pertanto i cicli di lavoro sono condizionati dai tempi di ricarica di queste batterie.

Inoltre hanno bisogno di una corretta manutenzione, poiché nelle fasi di ricarica tendono a scaldarsi, creando una forma di evaporazione dell’acqua presente nella batteria che costantemente va riempita. Sempre nella fase di ricarica all’interno di esse avviene una reazione chimica che può generare anche delle emissioni potenzialmente dannose. Per questo motivo le aziende devono avere dei locali appositi dove avviene la ricarica dei carrelli elevatori, in linea con normative ben precise.

Esistono delle varianti delle batterie al piombo per carrelli elevatori, come ad esempio le batterie AGM, che sono degli accumulatori dove l’elettrolita è assorbito in una matrice di fibre sottili di vetro, in grado di fornire delle elevate correnti di spunto; da menzionare anche le batterie Gel, che sono composte da piastre di piombo-calcio e in cui l’elettrolita è gelatinoso, dando la possibilità di scariche più profonde e un maggiore numero di cicli in un utilizzo continuativo e ripetitivo.

Info utili

Riguardo le batterie per carrelli elevatori online online è possibile reperire numerose informazioni utili a capire quale tipologia può essere più adatta alle proprie esigenze di lavoro. Ormai con Internet è diventato facile confrontare le fasce di prezzo e le caratteristiche tipiche, oltre che avere un’idea di quelli che sono i marchi produttori e rivenditori che maggiormente sono presenti sul mercato di riferimento – Futura Batterie, GNB, SAF ITALY, TRIATECH – in grado di fornire prodotti adatti per esigenze di alta capacità e utilizzi intensi.

La vendita batterie per carrelli elevatori comporta pertanto anche la possibilità di venire a contatto con degli esperti che possono indicare la batteria più performante, soddisfacendo quindi ogni tipo di richiesta di acquisto, assistenza o manutenzione.

Per quanto riguarda le batterie al piombo, vi è anche la possibilità di rigenerare le batterie usate, sempre grazie alla presenza di personale specializzato che provvede a rigenerarle con rigorosi test e manutenzioni, in modo da riportarle alla massima capacità.

Alcuni consigli utili possono essere: conservare la batteria in luoghi puliti, freschi, asciutti e ben ventilati, con l’accortezza che non venga a contatto con la luce solare diretta; caricarla completamente prima di riporla e verificare che l’elettrolita risulti al suo livello corretto, scollegare i cavi così da prevenire l’eventualità della scarica se si ha uno stoccaggio prolungato; caricarla nuovamente prima di essere riutilizzata.

Le batterie per carrelli elevatori, in questo caso ci stiamo riferendo a quelle al piombo, generalmente nel corso del tempo e dell’uso diminuiscono la capacità di carica; ma se non si verificano problemi particolari, questa diminuzione sarà graduale. La sua vita utile si intende terminata quando la capacità scende al di sotto dell’80% del suo livello iniziale, ma in alternativa può essere anche trasferita su veicoli che compiono dei lavori dove la potenza richiesta è minore.

Contattaci senza impegno per un preventivo gratuito o per maggiori informazioni

 

Banner scelta carrello elevatore