Patente trattori

 

Patente trattore agricolo o forestaleNon sono in molti a saperlo, ma l’accordo tra Governo e Regioni pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 60 del 12 marzo 2012 istituisce una specifica abilitazione per gli utilizzatori dei mezzi meccanici, siano essi lavoratori autonomi o dipendenti. Stiamo parlando del «Patentino o patente trattori», richiesto in linea con quanto sancito dal Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (art. 73 comma 4 e 5 D.Lgs 81/08).

La patente di guida non basta per assolvere all’obbligo di conseguire una specifica “patente trattori”, in quanto, mentre la patente di guida riguarda aspetti legati alla circolazione stradale, il patentino del trattore si riferisce alle norme specifiche e ai corretti comportamenti nella conduzione dei mezzi meccanici nel luogo di lavoro.

Facciamo chiarezza:

Il patentino è obbligatorio per i trattori agricoli e forestali gommati e cingolati (compresi trattori con pianale di carico), i sollevatori telescopici, i carri raccolta frutta e alcune tipologie di macchine movimento terra (escavatori idraulici e a fune, pale caricatrici frontali, terne, autoribaltabili a cingoli e pompe per calcestruzzo). Inoltre, va precisato che per «macchine agricole» si intendono tutte le attrezzature di lavoro citate nell’Accordo 22 febbraio 2012  Stato-Regioni che hanno un utilizzo in ambito agricolo e forestale: dunque, una macchina da movimento terra (ad esempio una pala gommata o, per dirla all’inglese, un «wheel loader») utilizzata in campagna va intesa come macchina agricola, quindi chi la guida dovrà attenersi alle date previste per il settore agricolo.

Ma come si prende il patentino?

Bisogna frequentare un corso di formazione tecnico-pratico completo e sostenere una prova di verifica finale; se si viene promossi, si ottiene l’attestato di abilitazione o più comunemente detta patente per il trattore.

Quali sono le prossime scadenze e chi deve sostenere i corsi teorici o teorici e pratici?

Ecco una breve tabella riassuntiva.

CORSO DI ABILITAZIONE
CORSO DI AGGIORNAMENTO
Operatori incaricati all’uso del trattore agricolo o forestale DOPO il 31/12/2017Prima dell’utilizzoEntro 5 anni dall’avvenuta formazione
Operatori già incaricati all’uso del trattore agricolo ALLA DATA DEL 31/12/2017 senza esperienza biennale pregressa né formazione documentata
Entro il 31 dicembre 2019Entro 5 anni dall’avvenuta formazione
Operatori incaricati all’uso del trattore agricolo con un’ESPERIENZA almeno BIENNALE documentata* nei 10 anni precedenti al 31/12/2017.
Entro il 31/12/2018
Operatori incaricati all’uso del trattore agricolo con una formazione pregressa ASSIMILABILE a quella prevista dall’accordo Stato Regione del 22/12/12 (perché il corso di formazione eseguito era di durata non inferiore: modulo giuridico,tecnico, pratico e con verifica finale)Entro il 31 Dicembre 2020
Operatori incaricati all’uso del trattore agricolo con una formazione NON ASSIMILABILE a quella prevista dell’accordo Stato-Regione(perché, anche se il corso era di formazione giuridica, tecnica, pratica e con verifica finale di apprendimento, era di durata inferiore a quello stabilito)Entro il 31 Dicembre 2019

*Esperienza documentata per i lavoratori del settore agricolo:

  • I lavoratori autonomi, il datore di lavoro utilizzatore, il lavoratore subordinato possono documentare l’esperienza attraverso una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà
  • Per lavoratori del settore agricolo si intendono tutti i lavoratori che effettuano attività comprese tra quelle elencate all’articolo 2135 (è imprenditore agricolo che esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse).

Per scoprire come sono articolati i corsi di formazione per la patente del trattore, CLICCA QUI.