I carrelli quadrilaterali sono una tipologia di carrello elevatore. Per la cronaca, i carrelli elevatori vengono chiamati anche muletti, un termine che si è affacciato quasi contestualmente alla loro diffusione sul territorio nazionale (a partire dagli anni Trenta). Dunque, carrello elevatore e muletto sono semplicemente sinonimi.

Cosa sono i carrelli elevatori (o muletti, che dir si voglia)? Con questa espressione intendiamo dei mezzi adibiti alla movimentazione e allo stoccaggio delle merci. Esistono molte tipologie, le quali si differenziano per le più svariate caratteristiche e sono in grado di soddisfare specifiche esigenze riguardanti la gestione e l’utilizzo del magazzino e degli spazi logistici. I carrelli quadrilaterali sono una delle tipologie più recenti.

Carrelli elevatori, dispositivi fondamentali per chiunque possegga un magazzino

Non è un caso che, a partire dal loro esordio sul mercato, i carrelli elevatori si siano diffusi velocemente. Ad oggi, risultano semplicemente indispensabili per tutte quelle attività che fanno uso di un magazzino, che quindi necessitano di stoccare e movimentare merci, in una prospettiva di ottimizzazione degli spazi e di velocizzazione delle operazioni.

I carrelli elevatori / muletti quindi permettono

  • Di spostare e posizionare merci in grande quantità,
  • Di farlo velocemente.

Nondimeno, possono essere impiegati in tutti quegli spazi che richiedono lo stoccaggio di merci e la movimentazione delle stesse. Dunque non solo magazzini ma anche aree portuali, interporti, capannoni industriali etc. 

Le tipologie di carrello elevatore si distinguono per numerose caratteristiche. Queste le più importanti.

  • La portata, ovvero il peso che sono in grado di trasportare, in genere espresso in quintali.
  • Il numero delle ruote, in genere tre o quattro.
  • La motorizzazione, che può essere elettrica, a diesel, a gas.
  • La posizione delle forche, ovvero dei bracci che reggono i pallet (le pedane su cui concretamente poggiano le merci). 

Se siete indecisi sulla tipologia e quindi anche sul modello, vi consigliamo di leggere questa esaustiva guida alla scelta del miglior carrello elevatore.

Cosa sono i carrelli quadrilateri

Carrello elevatore quadrilateraleE’ proprio la posizione, anzi la disposizione delle forche a caratterizzare i carrelli quadrilaterali. Le forche infatti sono disposte lungo tutti i lati del mezzo. In questo modo, il guidatore può afferrare la merce disposta davanti a lui, ma anche dietro, a destra e a sinistra

Questo non è un vantaggio da poco. La possibilità di agire in quattro direzione esonera il guidatore dalla necessità di voltare il veicolo, di “fare manovra”.

In linea di massima, quindi, il carrello quadrilaterale può agire all’interno di spazi molto stretti, e dare il massimo anche in presenza di corsie molto strette. Per questo motivo, il carrello quadrilaterale è consigliato soprattutto in caso di magazzini stipati, all’interno dei quali le altre tipologie si muoverebbero con molta difficoltà. Nondimeno, l’utilizzo di un carrello quadrilaterale consente di riempire il magazzino quasi del tutto, sfruttando completamente lo spazio a disposizione, eccetto quello necessario a garantire le corsie. 

In definitiva, grazie ai carrelli elettrici quadrilaterali è possibile

  • Facilitare la movimentazione e lo stoccaggio delle merci se il magazzino è molto pieno, garantendo una maggiore sicurezza al guidatore (che non deve fare manovre);
  • Riempire il magazzino fin quasi al suo limite naturale, in quanto necessita di poco spazio.

In un certo senso, il quadrilaterale è una evoluzione del trilaterale. Quest’ultima tipologia, infatti, si caratterizza per la presenza di forche in tre lati su quattro (davanti, destra, sinistra). Per questo motivo, il quadrilaterale in genere costa di più.

Per il resto, si segnalano alcune sottotipologie. La più importante (e moderna) di queste è il carrello quadrilaterale retrattile, il quale si distingue per la possibilità di “ritirare” le forche al di sotto o dentro al mezzo. Una funziona, questa, pensata per ridurre ancora di più lo spazio occupato dal carrello, a tutto vantaggio dello spazio adibito allo stoccaggio. 

Ha senso acquistare carrelli elevatori usati?

Come già accennato, i carrelli quadrilaterali costano più dei trilaterali. Non sono certo la tipologia più costosa, ma possono comunque imporre una spesa notevole. Per questo motivo, è ragionevole prendere in considerazione l’acquisto dell’usato

Qualcuno potrebbe storcere il naso di fronte alla possibilità di acquistare carrelli elevatori usati, specie se quadrilaterali. Potrebbe pensare che siano poco sicuri o efficienti.

Si tratta di un timore infondato. Tutti i muletti usati, prima di essere rimessi in vendita, sono sottoposti a verifiche e ispezioni accurate . Durante questa fase il mezzo viene controllato approfonditamente  in modo da verificare e valutare il buon stato di salute. Ovviamente, quelli difettosi e poco performanti vengono sostituiti. Tutto questo è parte della garanzia Orzi Carrelli.